su

Spello – Assisi

Il sentiero "Seraphico"

Spello – Assisi è il quinto e ultimo tratto dei Sentieri nella Fascia Olivata Assisi -Spoleto. È il “sentiero  Seraphico” perché il percorso collega Spello alla città di Francesco ricalcando per ampi tratti le stesse vie calpestate dal santo. Nel primo tratto la camminata è piacevole e per lunghi tratti pianeggiante costeggiando il monte Subasio. Nel tratto intermedio, invece, si inizia a salire portando il viaggiatore, tra boschi e sentieri, fino all’Eremo delle Carceri di Assisi. Da lì, dopo un breve tratto in ascesa, ci si rituffa in picchiata verso il centro di Assisi e il Bosco di San Francesco, punto di arrivo finale dei Sentieri nella Fascia Olivata.

Spello – Assisi è un tracciato nel quale è facile trovare delle fonti naturali di acqua servite nei secoli per l’irrigazione e il sostentamento di uomini e animali. Lo Scoglio del Diavolo, la fonte del Maltempo, la fonte Farnese, nei nomi delle sorgenti usi e tradizioni si sono mescolate creando leggende che evidenziano la forte territorialità delle comunità contadine sempre in lotta fra loro per conservare i propri i beni difendendoli da intrusi.

LA MAPPA

Partenza – Il punto di partenza del quinto percorso è la Porta Montanara di Spello, tra i punti di accesso della città quello posto più in alto e proprio sotto la parte finale dell’acquedotto di Spello, un’opera idrica di quasi sei chilometri oggi parzialmente smantellata. La strada dopo un breve tratto pianeggiante scende di qualche decina di metri per poi piegare sulla destra per via degli Ulivi. Qui inizia la stradetta di Assisi, con le sue fonti sparse lungo il percorso. Sotto, a qualche centinaia, di metri la bellissima Villa Fidelia con i suoi giardini e tutta la valle che da Spello porta a Cannara e che muore proprio sotto il paese di Bettona.

Punto intermedio – L’Eremo delle Carceri si trova all’interno di una lecceta chiusa da mura cinta.  Questo antico romitorio è situato a quasi 800 metri di altezza, sulle pendici del monte Subasio. È immerso nel cuore di una verde boscaglia, a circa cinque chilometri da Assisi. E’ meta annuale di pellegrinaggio.

Arrivo –  Il punto di arrivo del percorso i Sentieri nella Fascia Olivata è il Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto. Si tratta di un ‘opera di “land art”, un uliveto unico al mondo con area di 90 x 35 metri. Un disegno a tre cerchi che ricorda il simbolo dell’infinito e costituito da un doppio filare di olivi 160 con al centro un’asta di acciaio a significare l’unione tra il Cielo e acqua che si trova nel sottosuolo. Si trova all’entrata di Bosco di San Francesco, proprio sotto la Basilica Maggiore, e nell’intenzione dell’artista è la fusione tra il paradiso in cui la vita sulla Terra è totalmente regolata dalla natura e un secondo paradiso, creato dall’uomo e basato su bisogni, prodotti, piaceri e comodità artificiali.

SCHEDA TECNICA

Lunghezza

17.080 metri

Dislivello

567 metri

Difficoltà

Medio-Alta

Tipo percorso

25% asfalto, 75% sterrato

Tempo cammino

9h 00m

Sviluppo percorso

Lineare

VIVI UN'ESPERIENZA UNICA

GUIDE (PDF) E TRACCIATI (GPX)

Scarica gratuitamente

LO SAPEVI?

Arvoltolo

E’ uno dei dolci più antichi della tradizione contadina che potevano permettersi anche le famiglie meno abbienti. Si tratta di gustose pizzette preparate con farina di grano, lievito di birra e acqua che si friggono in olio di oliva o anche nello strutto bollente. Poi spolverate di sale o zucchero o anche miele.

Belvedere

Lungo il primo tratto pianeggiante della strada che collega Spello ad Assisi si arriva al Belvedere con la lapide che ricorda le parole di San Francesco “niente di più bello ho visto della mia valle Spoletana “. Questo è un luogo di meditazione e di preghiera davanti una edicola sacra campestre detta di Mascicone.

Le cave del Gabbiano

Da questo versante del monte Subasio sono state estratte dalle cave e molte delle pietre con cui sono stati costruiti i monumenti e le case della città di Assisi. La zona prende il nome dalla pietra, detta Gabbiano per il colore simile a quello degli uccelli. Era detta la cava “ dei francesi” perché intorno al 1870 qui una società tedesca e poi francese estraeva la pietra per la stampa litografica.

Il piantone di Boccia

A metà del percorso prima del secondo strappo che porta alla Fonte dell’Abbate e in prossimità di due case c’è il piantone di Boccia. Si tratta di una cultivar con il tronco grande, dalla foglia piccola e dalla drupa ugualmente piccola la cui maturazione si protrae nell’autunno. Una biodiversità unica. Accanto un’esemplare di moraiolo.

La fonte prosciugata 

Si tratta della fonte di San Benedetto che si trova davanti all’antica Abbazia benedettina di San Benedetto al Subasio (fuori percorso); per millenni ha soddisfatto le esigenze dei monaci, dei viandanti, dei pastori e di tutte le greggi e mandrie che si sono dissetate a questa fonte.
 Con il tempo la portata è notevolmente calata. Con il terremoto del 1997 la falda si è spostata e la fonte si è prosciugata

Le misure comunali 

Ad Assisi all’ingresso della Torre del Popolo, un tempo portale e porta della sala del collegio dei notari,  dove c’era l’archivio civico e l’Arte dei Notari, una lapide ricorda le misure comunali del 1349 (A.D.M.CCCXLVIIII  FUIT HOC OPUS CPR ANGELI / LEGRI . DE. PUSIO.CAP. ASISI). Una lastra di pietra di pomato di Assisi per lo standard delle misure dei coppi, dei mattoni a lato su un blocco di travertino le misure standard delle lunghezze con aste di ferro.

COSA VEDERE

Dalla montagna di ridiscende verso la civis, verso la città di Foligno, quella di Spello. Ville, chiese, forti, a tantissima natura con una predominanza dell’acqua come elemento aggregatore.

basiliche
Basilica Papale di San Francesco e Sacro Convento
Basilica Papale di San Francesco e Sacro Convento La prima pietra della Basilica fu posta il 17 luglio 1228 sotto papa Gregorio IX, il giornoLeggi di più
chiese
Chiesa Nuova di Assisi
Chiesa Nuova di Assisi Eretta nel 1615 sui resti di un edificio ritenuto la casa paterna di San Francesco per volontà del re di SpagnaLeggi di più
Chiesa di Santa Croce
Chiesa di Santa Croce Edificata intorno al XIII secolo in stile gotico-romanico ove sorgeva un monastero. Interno a navata unica con archi diaframma. La chiesaLeggi di più
Oratorio dei pellegrini
Oratorio dei pellegrini L’Oratorio dei Pellegrini fu costruito nel 1457 adiacente un ospedale. Ulteriore luogo di sosta e di preghiera dei pellegrini lungo la viaLeggi di più
Chiesa di Santa Maria Maggiore sopra Minerva
Chiesa di Santa Maria Maggiore sopra Minerva Nel Medioevo i monaci benedettini trasformarono il Tempio di Minerva in chiesa cristiana intitolandola a San Donato. NelLeggi di più
Cattedrale di San Rufino
Cattedrale di San Rufino La cattedrale di San Rufino è il principale luogo di culto cattolico della città di Assisi. Nell’VIII secolo i resti delLeggi di più
Chiesa di Sant'Angelo in Panzo
Chiesa di Sant'Angelo in Panzo Fu costruito attorno al X secolo sulle rovine di un insediamento romano e nella sua lunga esistenza, che è parteLeggi di più
Chiesa di San Lorenzo
Chiesa di San Lorenzo Secondo alcune fonti la costruzione venne avviata nel 1127, quando gli abitanti di Spello vollero mettersi sotto la protezione di SanLeggi di più
Chiesa di Sant'Andrea
Chiesa di Sant'Andrea La chiesa di Sant'Andrea fu edificata nella prima metà dell’XI secolo dipendente dall’abbazia camaldolese di San Silvestro a Collepino. Nel 1253 fuLeggi di più
Chiesa di Santa Maria Maggiore
Chiesa di Santa Maria Maggiore Secondo la tradizione la chiesa di Santa Maria Maggiore fu costruita sul tempio pagano dedicato a Giunone e Vesta. LeLeggi di più
Chiesa di San Martino
Chiesa di San Martino La chiesa fu fondata, a cavallo dei secoli XI e XII,  in onore del vescovo di Tours (330-397), benché le primeLeggi di più
Chiesa di San Severino
Chiesa di San Severino Sorge nel punto più alto di Spello, al belvedere, con la magnifica vista sulla valle verso Assisi. Fu la prima PieveLeggi di più
Chiesa e Monastero di Vallegloria
Chiesa e Monastero di Vallegloria La trecentesca chiesa di Santa Maria di Vallegloria con la semplice facciata suddivisa in due ordini in pietra del Subasio,Leggi di più
fonti
Fonte Oliviera
Fonte Oliviera La Fonte Oliviera da alcuni è attribuita a Galeazzo Alessi. Fu fatta costruire da Olivero Lodovici nel 1570. "Pena uno scudo e perditaLeggi di più
Fontana di piazza
Fontana di piazza Fontana con i tre leoni, che rimandano ai tre rioni della città, da qui si comprende l’asimmetria, che compare regolare nella formaLeggi di più
Fonte Maltempo
Fonte Maltempo La tradizione vuole che la denominazione Fonte Maltempo derivi dall’interpretazione metereologica che gli agricoltori del posto davano in funzione delle condizioni dell’acqua, limpidezzaLeggi di più
Fonte dello Scoglio del Diavolo
Fonte dello Scoglio del Diavolo E’ una storia che si tramanda da secoli e che evidenzia la forte territorialità delle comunità contadine sempre in lottaLeggi di più
Fonte Farnese
Fonte Farnese Una delle principali fonti degli spellani. Una piccola mostra delle acque con gli stemmi: al centro lo stemma papale Farnese e a sinistraLeggi di più
ponti
Il ponte dei Galli
Il Ponte dei Galli Documentato nel 1160 e nel 1193 in un atto di vendita al monastero di san Benedetto di un mulino iuxta pontemLeggi di più
musei
Terzo Paradiso del Pistoletto
Terzo Paradiso del Pistoletto Un oliveto unico al mondo con area di 90 x 35 metri. Un disegno a tre cerchi che ricorda il simboloLeggi di più
Museo Civico di Spello
Museo Civico di Spello La Pinacoteca civica di Spello è all’interno del Palazzo dei Canonici costruito nel 1542 per volere del Capitolo della Collegiata. SullaLeggi di più
tempietti
Tempio di Minerva
Tempio di Minerva Fu fatto costruire dai fratelli Gneo Cesio Tirone e Tito Cesio Prisco negli anni immediatamente successivi alla guerra con Perugia 40 a.C.Leggi di più
archi
palazzi
Palazzo Giacobetti-Vallemani
Palazzo Vallemani Giacobetti Il progetto della prima costruzione del palazzo fu commissionato dalla famiglia Vigilanti nella prima metà del seicento al pittore architetto Giacomo Giorgetti. Leggi di più
Sala del Pellegrino
Sala del Pellegrino La Sala del Pellegrino è un lungo edificio con una modesta facciata costruito nel 1774 ad uso di ospizio, trasformato nel 1918 Leggi di più
Loggia dei Maestri Comacini
Loggia dei Maestri Comacini Era ritenuta essere la casa di quei mastri muratori-scalpellini che per circa cinque secoli dopo l’anno Mille si stabilirono in varie Leggi di più
Monte Frumentario
Monte Frumentario E’ l'antico ospedale di Assisi. Forse il più antico in Italia. Il Palazzo del Monte Frumentario fu costruito nel 1267 all’esterno della prima Leggi di più
Palazzo del Comune di Assisi
Palazzo del Comune Il palazzo era più alto di ora, nei restauri del 1926  fu abbassato di un piano, e furono aperte le finestre. Il Leggi di più
Palazzo del Capitano del Popolo
Palazzo del Capitano del Popolo L’edificio che fa angolo sul lato a monte della piazza è il Palazzo del Capitano del Popolo. Nel 1275 il Leggi di più
Palazzo Comunale di Spello
Palazzo Comunale di Spello L’edificio venne costruito nel 1270 da maestro Prode, sotto il governo podestarile di Giacomo del Mastro. Subì, successivamente, una complessa opera Leggi di più
eremo
Eremo delle Carceri
Eremo delle Carceri Nel 1215 i benedettini donarono questo luogo a San Francesco affinché si “carcerasse” (dal latino “Carceres”) nella preghiera in un luogo solitario, isolato Leggi di più
vie
Il Bosco di San Francesco
Il Bosco di San Francesco Sono circa 60 ettari ove il Fai ha realizzato una grande opera di restauro paesaggistico che ha interessato il restauro Leggi di più
edicole
Maestà di Mascicone
Maestà del Mascicone Si tratta di un edicola molto antica e cara alla comunità degli spellani, oggi in mano ai privati e data in comodato Leggi di più
rocche
Rocca Minore o Ricchicciola
Rocca Minore o Ricchicciola Sorge sull’altura a destra della Rocca Maggiore alla quale, un tempo, era collegata da mura percorribili. Il Cassero di Sant’Antonio, detta Leggi di più
torri
Torre del Popolo
Torre del Popolo A ridosso del Tempio di Minerva sorge l’altissima Torre del Popolo (47 m.). Fu costruita per la magistratura del Capitano del Popolo, Leggi di più
Torri di Properzio
Torri di Properzio Le due torri che affiancano Porta Venere sono legate, secondo un’antica tradizione, al nome del poeta latino. Secondo alcuni le due torri Leggi di più

Organizza la tua vacanza con i Sentieri

L’Umbria è una delle regioni più accoglienti e sicure d’Italia, la Fascia Olivata Assisi-Spoleto un luogo unico, riconosciuto patrimonio mondiale agricolo dalla FAO. Oltre 90 chilometri di sentieri lineari dove fare trekking, andare in bicicletta, gustarsi del buon cibo, ricercare tartufo pregiato, assaporare un indimenticabile olio extra vergine di oliva o semplicemente rilassarsi.

1

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookies tecnici), per generare report di navigazione (cookies di statistica) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Policy policy

Cookie policy