su

Spoleto – Poreta

Il sentiero delle rocche

Spoleto – Poreta è il primo tracciato dei sentieri nella Fascia Olivata. È “il sentiero delle rocche”, perché ne collega due: una alla partenza, la Rocca di Albornoz, e una all’arrivo, la piccola fortificazione del paese di Poreta, un tempo centro difensivo nevralgico della Valle Spoletana. Ma questa denominazione è incompleta.
Perché in questo tracciato si affastellano ville, monumenti, opere d’arte e costruzioni visionarie che hanno dato l’impronta a un paesaggio unico e irripetibile che cattura l’attenzione di chi vi si immerge.

A iniziare da Spoleto, perla ducale, con il Ponte delle Torri, la Basilica di San Salvatore (Patrimonio dell’Umanità), il tracciato avveniristico della linea ferroviaria Spoleto / Norcia, passando per i piccoli paesi di Eggi, Bazzano, Silvignano e le loro meraviglie nascoste dal tempo. Il primo tracciato dei sentieri nella Fascia Olivata è un tuffo in una dimensione che mescola passato e recente modernità.

DA SPOLETO A PORETA – LA MAPPA

Partenza – Il primo percorso dei sentieri della Fascia Olivata Spoleto-Poreta parte formalmente dalla Rocca di Albornoz, imponente fortezza che sorge sul Colle Sant’Elia e domina tutta la vallata spoletina. A causa del terremoto del 2016, tuttavia, è stato chiuso il Ponte delle Torri che, superando il torrente Tessino, la collega alla collina accanto. In attesa della sua riapertura suggeriamo di iniziare la camminata dal Fortilizio dei Mulini che si raggiunge percorrendo per qualche centinaio di metri la Strada Provinciale 462 che passa accanto alla storica Chiesa Di San Pietro Extra Moenia.

Punto intermedio – All’intersezione tra due importanti ed antiche vie di comunicazione, la Via della Spina e l’antica strada per Norcia, lungo le pendici del Monte Giove, sorge Bazzano Inferiore e il suo castello, tappa intermedia del percorso.

Arrivo – Posto lungo un pendio a 470 metri di altitudine, il medievale Castello di Poreta, domina l’intera piana compresa tra Spoleto e Trevi.
 E’ questo il punto di arrivo del primo percorso. Ora adibito ad attività ricettive, il castello si era spopolato negli anni ’50. Il terremoto del 1979 danneggiò gravemente il castello e la chiesa. Le residue proprietà rimaste in mano ecclesiastica furono poi, nel 1990, acquisite e ristrutturate dalla Comunità Montana. Dal castello si può facilmente raggiungere il paese e i parcheggi.

SCHEDA TECNICA

Lunghezza

23.120 metri

Dislivello

341 metri

Difficoltà

Medio-Alta

Tipo percorso

10% asfalto, 90% sterrato

Tempo cammino

8h 30m

Sviluppo percorso

Lineare

VIVI UN'ESPERIENZA UNICA

GUIDE (PDF) E TRACCIATI (GPX)

Scarica gratuitamente

LO SAPEVI?

La crescionda

E’ il dolce tipico di Spoleto. Il nome deriva probabilmente da crescia unta. E’  realizzato con la lavorazione di tuorli d’uovo, zucchero, latte, farina, amaretti tritati, cioccolato fondente grattugiato, ai quali vanno incorporati gli albumi montati a neve.

Gli eremi di Monteluco

Il territorio montano del Monteluco (di fronte alla rocca)  furono luoghi scelti dai primi insediamenti monastici per la ricchezza dei ripari naturali . I monaci che abitavano gli anfratti del Monteluco vivevano la vita eremitica per poi riunirsi periodicamente in un luogo prescelto, che era la chiesa di san Giuliano.

Le noci e l’Attorta

Lungo il percorso, vicini alle case rurali o isolate nei campi, si possono vedere grandi esemplari di alberi di noce. Le noci sono  un ingrediente sostanziale per un dolce da forno, tipico della Valle Spoletana detto Attorta o ‘Ntorta che nella zona di Foligno e Spello è detta Rocciata.

Il roccolo

Nel Roccolo veniva praticata l’uccellagione ovvero la cattura di uccelli vivi, nello specifico tordi.  Il Roccolo è a forma di anello circondato da mura. All’interno era una fitta boscaglia ove venivano formate, attraverso una sapiente potatura, delle gallerie vegetali in fondo alle quali erano sistemati degli uccelli da richiamo e delle reti dove  i tordi di passo si impigliavano per poi essere venduti vivi. Questo esercizio venatorio affonda le origini in epoca romana. Oggi non più in uso.

Edicole votive 

In epoca pagana lungo le strade si costruivano piccoli tempietti chiamati aediculae, eretti agli incroci delle vie cittadine o di campagna,  in onore dei Lares compitales o viales, divinità  preposte alla protezione dei viandanti. Erano dei piccoli santuari a cielo scoperto con l’immagine della divinità presso l’ara. Ai lati erano dei sedili per il riposo di coloro che portavano le offerte. Il luogo sacro era poi officiato in alcuni periodi dell’anno da alcune corporazioni religiose che si occupavano anche della manutenzione

COSA VEDERE

Staccarsi dalla bellissima Spoleto non sarà semplice. La città è una meraviglia continua. Eppure se ne avrete la forza questo sentiero vi darà suggestioni incredibili con i suoi scorci impagabili sulla città, sulla valle, sugli ettari di olivo che arricchiscono le colline.

basiliche
Basilica di San Salvatore
BASILICA DI SAN SALVATORE Dedicata ai martiri Concordio e Senzia, ai quali si attribuivano virtù taumaturgiche, la Basilica di San Salvatore è uno dei piùLeggi di più
castelli
Castello di Poreta
CASTELLO DI PORETA Posto lungo un pendio a 470 metri di altitudine, il medievale Castello di Poreta, domina l’intera piana compresa tra Spoleto e Trevi. Leggi di più
Castello di Eggi
CASTELLO DI EGGI Varcata la porta del castello, sulla parete esterna della chiesa troviamo tracce di affreschi della fine del XIV secolo. Fra questi spicca Leggi di più
chiese
Chiesa di San Cristoforo
CHIESA DI SAN CRISTOFORO All’interno c’è una tela del XVII secolo con la Madonna del Rosario un crocifisso ligneo del XVI sopra l’altare tela del Leggi di più
Chiesa di Santa Maria della Misericordia
CHIESA DI SANTA MARIA DELLA MISERICORDIA La chiesa è ad unica navata con tre altari. Qui si trovano raffigurati san Sebastiano, san Rocco e la Leggi di più
Chiesa di san Giovanni Evangelista
CHIESA SAN GIOVANNI EVANGELISTA La tessitura muraria della parete sud della chiesa non lascia dubbi sull’origine romanica di questo edificio. Una tessitura di conci disposti Leggi di più
Chiesa di Santa Maria di Reggiano
CHIESA SANTA MARIA IN REGGIANO La chiesa di Santa Maria di Reggiano, databile tra il XII-XIII secolo, è oggi inserita all’interno di un complesso rurale. Leggi di più
Chiesa di San Pietro in Serpillo o in Serpullo
CHIESA SAN PIETRO IN SERPILLO O IN SERPULLO Era già esistente nel XIV secolo, ma probabilmente più antica. Poco conserva dell’edificio originario, l’attuale struttura è Leggi di più
Chiesa di San Sebastiano
CHIESA DI SAN SEBASTIANO Una piccola struttura che fu sede della confraternita. All’interno una tela del XVII secolo con la Madonna e santi, una tela Leggi di più
Chiesa di Santa Maria
CHIESA DI SANTA MARIA Romanica, databile tra il XII – XIII secolo. L’edificio ha la facciata a due spioventi e copertura con travature a cavalletto. Leggi di più
Chiesa di San Michele Arcangelo
CHIESA SAN MICHELE ARCANGELO Risultato di diversi ampliamenti, l’interno della chiesa può essere considerato un repertorio della pittura umbra dei secoli XIV e XV. Qui Leggi di più
Chiesa della Madonna delle Grazie
CHIESA DELLA MADONNA DELLE GRAZIE Nel corso della storia era molto frequente rivolgersi a numerosi santi per difendersi da malattie, guerre e morti improvvise. In Leggi di più
Chiesa di San Giovanni Battista
CHIESA DI SAN GIOVANNI BATTISTA La semplice facciata conserva un portale ad arco a tutto sesto in pietra. L’attuale aspetto e forma di questa piccola Leggi di più
ferrovia
Ex Ferrovia Spoleto - Norcia
EX FERROVIA SPOLETO - NORCIA Si tratta della prima fase di un progetto molto più ambizioso, redatto tra il 1909 e il 1911, di collegare Leggi di più
fonti
Fonte della Pescara
FONTE DELLA PESCARA Un crocevia dove gli abitanti di Bazzano Superiore si rifornivano di acqua. Un paese, oggi abitato da circa settanta persone, che nei Leggi di più
palazzi
Ospizio di Reggiano secoli XV-XVI
OSPIZIO DI REGGIANO SECOLI XV-XVI L’ospizio era di proprietà della vicina abbazia. Si ha notizia di questo ospizio fin dal 1470 quando il priore dell’abbazia Leggi di più
pievi
Pieve di S. Andrea
PIEVE DI S. ANDREA Di origine romanica, la chiesa fu dotata di affreschi di cui rimane nella calotta dell’abside, attuale cella campanaria, il volto di Leggi di più
rocche
Rocca Albornoz
ROCCA ALBORNOZ Edificata a partire dal 1359, l’imponente fortezza sorge sul Colle Sant’Elia e domina tutta la vallata spoletina.
Fu voluta da Papa Innocenzo VI, al Leggi di più
ponti
Ponte delle Torri
PONTE DELLE TORRI Alto ben 80 metri e lungo circa 230, il Ponte delle Torri è uno tra i monumenti simbolo di Spoleto. Realizzato in Leggi di più
vie
Via della Spina (torrente Spina)
VIA DELLA SPINA (TORRENTE SPINA) La strada, la cui attuale denominazione deriva dal torrente della Spina che per un tratto vi scorre parallelo, collegava fin Leggi di più
Giro dei Condotti
GIRO DEI CONDOTTI “Nihil jucundius vidi valle mea spoletana”. Fu San Francesco a pronunciare queste parole, che si trovano ancora scolpite sul marmo del belvedere Leggi di più
ville
MAMa Umbria International
MAMa UMBRIA INTERNATIONAL MAMa Umbria International è una residenza artistica fondata nel 1990 da Ellen Stewart, direttore artistico del teatro “La MaMa E.T.C.” di New Leggi di più
Villa Benedetti Massi
VILLA BENEDETTI MASSI Un grande complesso con un ampio parco ornato da alberi secolari e un canale con fontana ottagonale. Oggi qui si può ammirare Leggi di più
Villa Morelli o dei Pazzi
VILLA MORELLI O DEI PAZZI Costruita nel 1787 dai conti Morelli, famiglia proveniente dal castello di Montesanto frazione di Sellano. La famiglia era imparentata con Leggi di più

Organizza la tua vacanza con i Sentieri

L’Umbria è una delle regioni più accoglienti e sicure d’Italia, la Fascia Olivata Assisi-Spoleto un luogo unico, riconosciuto patrimonio mondiale agricolo dalla FAO. Oltre 90 chilometri di sentieri lineari dove fare trekking, andare in bicicletta, gustarsi del buon cibo, ricercare tartufo pregiato, assaporare un indimenticabile olio extra vergine di oliva o semplicemente rilassarsi.

3

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookies tecnici), per generare report di navigazione (cookies di statistica) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Policy policy

Cookie policy