su

Poreta – Trevi

Il sentiero dell'olio

Poreta – Trevi è il secondo tracciato dei Sentieri nella Fascia Olivata. È il “sentiero dell’olio” perché il percorso si immerge nelle dolci colline che dal basso della pianura si arrampicano fino alla città di Trevi conosciuta anche come una delle capitali dell’extra vergine di oliva. In questa zona sono numerosi i frantoi attivi. Molti di questi affondano le loro radici in una tradizione che si tramanda da generazioni, mentre d’incanto ci si può ritrovare di fronte a un’abbazia, a un tempio romano, a un teatro gentilizio, a una villa del Settecento senza sapere come.

Caratteristica del paesaggio del secondo tratto dei Sentieri nella Fascia Olivata sono le torri colombaie. Alcuni di questi edifici risalgono ai primi anni del Trecento quando, nel periodo di lotte intestine fra Guelfi e ghibellini, venivano a rifugiarsi i Guelfi cacciati dalla città di Spoleto. Queste torri, riadattate in abitazioni dopo il XVIII sec., erano adibite all’allevamento dei colombi palombini che producevano un ottimo fertilizzante per la coltivazione degli olivi.

LA MAPPA

Partenza – Poreta – Trevi, secondo percorso dei Sentieri nella Fascia Olivata, parte formalmente dal borgo del piccolo paese e si inerpica subito lungo le colline che portano all’abitato della frazione di Lenano. Tra ciglioni, lunette e terrazzamenti, svicolando tra i muretti a secco dichiarati patrimonio culturale immateriale dell’umanità dall’Unesco, si arriva fino al piccolo forte medievale di Campello Alto, a 514 metri sul livello del mare. Dal castello, in età medievale vero crocevia di arti, mestieri e arrembanti nobili conquistatori, si dominano lunghi tratti della valle spoletana e ci si può gettare a capofitto verso la pianura raggiungendo una tra le bellezze decantate da poeti e scrittori: le Fonti del Clitunno.

Punto intermedio – Il secondo percorso dei Sentieri nella Fascia Olivata ha come punto intermedio le Fonti del Clitunno (nel comune di Campello sul Clitunno). Queste formano un  piccolo laghetto dalle acque limpidissime, caratterizzato da crateri all’interno dei quali si aprono numerose polle sorgive. George Gordon Lord Byron e Giosuè Carducci tra i tanti illustri visitatori rimasti a bocca a aperta davanti a questa meraviglia.

Arrivo – Trevi è uno dei borghi più caratteristici dell’Umbria. Abbarbicato in cima a una colle presenta dei panorami mozzafiato con distese di oliveti che corrono nelle colline tutto attorno. Il filosofo francese Montaigne nel 1581, nel suo viaggio da Roma a Loreto giunto in prossimità di Trevi scrive “Fatto sta che è una città costruita su un alto monte, e da un lato si stende lungo le pendici fino a mezza costa; è una posizione amenissima, su quella montagna, carica tutt’intorno d’olivi”. Oggi Trevi è conosciuta non solo per la sua qualità dell’olio, ma anche per i suoi presidi slow food come il sedano nero.

SCHEDA TECNICA

Lunghezza

15.685 metri

Dislivello

307 metri

Difficoltà

Media

Tipo percorso

20% asfalto, 80% sterrato

Tempo cammino

7h 30m

Sviluppo percorso

Lineare

VIVI UN'ESPERIENZA UNICA

GUIDE (PDF) E TRACCIATI (GPX)

Scarica gratuitamente

LO SAPEVI?

L’arte dei muretti a secco/1

L’Unesco ha iscritto “l’arte dei muretti a secco” nella lista degli elementi dichiarati patrimonio culturale immateriale dell’umanità”, che interessa l’Italia ma anche paesi come la Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera.

L’arte dei muretti a secco/2

L’arte consiste nel costruire sistemando le pietre una sopra l’altra, senza usare altri materiali se non, in alcuni casi, la terra asciutta. Queste conoscenze pratiche vengono conservate e tramandate nelle comunità rurali, in cui hanno radici profonde, e tra i professionisti del settore edile.

Ciglioni, lunette, terrazzamenti

Opere di arte muraria realizzata con filari di pietre disposte a secco con le facce irregolari delle pietre disposte in modo da avere degli efficaci contrasti fra loro. Il percorso ne è pieno, specie nella zona di Campello.

Cisterne

Molte case della zona possedevano cisterne per la raccolta delle acque piovane della strada. La penuria di acqua, nei colli ricca di calcare massiccio, induceva le persone a realizzare ampie cisterne di raccolta delle acque meteoriche per innaffiare gli orti di sussistenza realizzati ai margini delle case.

Raccolta delle olive/1: la brucatura

Fino a pochi anni fa la raccolta delle olive si faceva con il metodo della brucatura quando le olive avevano raggiunto un punto di maturazione conveniente. La campagna della raccolta si iniziava quando le olive erano ben mature, di colore nero, per ottenere una rendita maggiore del prodotto.

Raccolta delle olive/2: il cuitujo 

Ogni uomo o donna impegnati nella raccolta delle olive era dotato di una scala e di un cuitujo, una sacca di tela di canapa con un semicerchio di legno al bordo, e una cinghia da mettersi a tracolla. Le olive venivano raccolte a mano dalle fronde e raccolte all’interno del cuitujo e poi trasportate a dorso d’asino nei luoghi di raccolta.

COSA VEDERE

Questa zona racchiude l’animo vero dell’Umbria. Piccoli, piccolissimi borghi divenuti col tempo delle perle rare di bellezza con il loro carico di storia, di arte nascosta, di conoscenza.

acquedotti
Acquedotto medievale di Trevi
Acquedotto medievale di Trevi L’Acquedotto medievale di Trevi detto del Fulcione o dei condotti. Il Mons. Innocenzo Malvasia nel 1587 così descrive l’acquedotto “Conduce un’acquaLeggi di più
chiese
Chiesa di San Francesco
CHIESA DI SAN FRANCESCO La tipologia architettonica è molto semplice, secondo lo stile degli ordini mendicanti: unica navata con copertura in capriate di legno, absideLeggi di più
Chiesa di San Giovanni
CHIESA DI SAN GIOVANNI Chiamata in origine S. Giovanni della Piazza (de platea), anticamente era di proprietà del Comune che la unì alla chiesa delleLeggi di più
Chiesa di San Sebastiano
CHIESA DI SAN SEBASTIANO Costruita dalla comunità di Campello tra il 1522 e il 1528 a metà del 1500 per ringraziare la Vergine e iLeggi di più
Chiesa dei Santi Cipriano e Giustina
CHIESA DEI SANTI CIPRIANO E GIUSTINA D’impianto romanico, fu costruita dai benedettini intorno al secolo XI in onore di San Cipriano. Fu restaurata nel 1300Leggi di più
Chiesa di Santa Maria in Piedi
CHIESA DI SANTA MARIA IN PIEDI Chiesa del XIV secolo, venne ristrutturata introno al 1600. Successivi restauri furono eseguiti nel 1830, come documentato dalla lapideLeggi di più
Chiesa di san Donato
CHIESA DI SAN DONATO L’edificio, rimaneggiato più volte nel corso dei secoli, mantiene l’impianto romanico con il portale a rincassi e lunetta dipinta nel 1883.Leggi di più
Chiesa di San Lorenzo
CHIESA DI SAN LORENZO La chiesa di San Lorenzo conserva sulle pareti dell’unica navata dipinti della prima metà del Trecento. La facciata della chiesa èLeggi di più
mulini
Mulino sul Clitunno
MULINO SUL CLITUNNO L’edificio appena sotto il tempietto è l’antico mulino di proprietà del comune di Spoleto. La lunetta posta all’ingresso dell’opificio, ornata con loLeggi di più
palazzi
Palazzo Comunale di Trevi
PALAZZO COMUNALE TREVI Il palazzo comunale di Trevi, costruito nel XIII secolo, è posto nel centro cittadino, ed è composto anche da una torre civica.Leggi di più
tempietti
Il Tempietto del Clitunno
TEMPIETTO DEL CLITUNNO Il Tempietto del Clitunno, piccolo sacello a forma di tempio, è tra i sette gioielli dell’arte e dell’architettura longobarda in Italia, cheLeggi di più
torri colombaie
Torri colombaie di Lenano
TORRE COLOMBAIE DI LENANO Queste di Lenano sono risalenti ai primi anni del Trecento quando da queste parti, nel periodo di lotte intestine fra Guelfi Leggi di più
castelli
Castello di Pissignano
CASTELLO DI PISSIGNANO Secondo la tradizione il nome deriva dall’antico Pissinianum, ossia piscina di Giano, una costruzione che si trovava in prossimità dell’attuale Tempietto del Leggi di più
Il castello di Campello Alto
IL CASTELLO DI CAMPELLO ALTO Siamo a 514 metri sul livello del mare. La tradizione vuole che il castello sia stato fondato verso la metà Leggi di più
conventi
Convento di San Giovanni dei Padri Barnabiti
CONVENTO DEI BARNABITI Le prime notizie sul convento sono del 1228, data in cui è documentata la presenza di un piccolo monastero femminile intitolato a Leggi di più
fonti
Fonti del Clitunno
FONTI DEL CLITUNNO Il piccolo laghetto, dalle acque limpidissime, è caratterizzato da crateri all’interno dei quali si aprono numerose polle sorgive. Nei fondali vegetano numerose Leggi di più
musei
Raccolta museale di San Francesco
Raccolta museale di San Francesco Ospitato nell’antico convento omonimo dei frati francescani, è diventato sede museale nel 1996. Oggi comprende: l’Antiquarium, il Museo della Città Leggi di più
Museo della civiltà dell’ulivo
Museo della civiltà dell’ulivo La grande quantità di ulivi fin dal medioevo era necessaria a produrre in loco un prodotto indispensabile per l'alimentazione, la liturgia, Leggi di più
ville
Villa Fabri
VILLA FABRI Fu Girolamo Fabri a ordinarne la costruzione alla fine del Cinquecento, “per sollievo della sua vecchiaia, a gioia dei posteri e del paese, Leggi di più
Villa Campello
VILLA CAMPELLO L’insediamento dei conti Campello ai piedi del castello si può far risalire intorno al 1347. Il sito era in posizione centrale per mantenere Leggi di più
Teatrino Gentilizio di Villa Campello
TEATRINO GENTILIZIO DI VILLA CAMPELLO In località Malborghetto all’interno di una casa rurale il teatro ottocentesco della famiglia Campello. Oggi in completo stato di abbandono, Leggi di più
Villa Stefanesca o villa Sansi
VILLA STEFANESCA O VILLA SANSI La costruzione della villa si deve a monsignor Filippo Campili nel 1764. Nel 1816 la villa passò in proprietà alla Leggi di più

Organizza la tua vacanza con i Sentieri

L’Umbria è una delle regioni più accoglienti e sicure d’Italia, la Fascia Olivata Assisi-Spoleto un luogo unico, riconosciuto patrimonio mondiale agricolo dalla FAO. Oltre 90 chilometri di sentieri lineari dove fare trekking, andare in bicicletta, gustarsi del buon cibo, ricercare tartufo pregiato, assaporare un indimenticabile olio extra vergine di oliva o semplicemente rilassarsi.

3

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookies tecnici), per generare report di navigazione (cookies di statistica) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Policy policy

Cookie policy