su
Image Alt

Trevi

Trevi

Plinio il Vecchio classifica Trevi come città degli Umbri. Il nome latino Trebia potrebbe derivare dalla radice umbra treb-, componente delle parole che in quella antica lingua indicavano casa, costruzione, costruire. La sua esistenza, prima della dominazione romana, è testimoniata anche dalla “stele di Bovara”. Nel suo territorio stanziarono civiltà preistoriche, come attestano ritrovamenti del paleolitico.

Acquistò grande rilevanza quando, in età imperiale, fu ripristinato l’antico corso della Flaminia e si sviluppò in pianura, in località Pietrarossa, una vera civitas. Fu sede vescovile fino all’XI secolo.

Con il dominio dei Longobardi, che istituirono il potente ducato di Spoleto, Trevi fu assegnata a un gastaldo. Agli inizi del XIII secolo si costituì in libero comune, che alleatasi con Perugia per difendersi da Spoleto fu in lotta con i comuni vicini. Ottenne il libero governo soltanto nel 1389. Subì il dominio di vari capitani e, segnatamente, il funesto vicariato dei Trinci di Foligno fino al 1438 quando, tornata al diretto dominio della Chiesa sotto la legazione di Perugia, seguì le sorti dello Stato Pontificio fino all’unificazione italiana.

Oggi è uno splendido borgo famoso per la sua produzione di extra vergine di oliva.

Trevi

Raccolta museale di San Francesco
Raccolta museale di San Francesco Ospitato nell’antico convento omonimo dei frati francescani, è diventato sede museale nel 1996. Oggi comprende: l’Antiquarium, il Museo della Città e del Territorio, la Pinacoteca, la Chiesa di San Francesco e il Museo della Civiltà dell’Ulivo. E’ un polo diLeggi di più
Chiesa di San Donato
Chiesa di San Donato É una delle tante chiese rurali costruite fra il XII e XIII secolo lungo il tracciato pedemontano a monte dell’antica strada Romana da Trevi per Foligno. La tipica architettura romanica firma un rifacimento di una chiesa almeno di tre secoli anterioreLeggi di più
Chiesa di San Martino
Chiesa di San Martino Sorge in posizione felicemente panoramica su una collina in fondo al Viale Ciuffelli, magnifico viale alberato che è La Passeggiata di ottocentesca memoria. Fu edificata nella prima metà del XV secolo dove era la Pieve della città di Trevi, il luogoLeggi di più
Museo della civiltà dell’ulivo
Museo della civiltà dell’ulivo La grande quantità di ulivi fin dal medioevo era necessaria a produrre in loco un prodotto indispensabile per l'alimentazione, la liturgia, la medicina, la farmacopea, l’illuminazione degli ambienti, la lavorazione dei tessuti e del sapone. Per questo motivo, dopo la vite,Leggi di più
Chiesa di San Francesco
CHIESA DI SAN FRANCESCO La tipologia architettonica è molto semplice, secondo lo stile degli ordini mendicanti: unica navata con copertura in capriate di legno, abside centrale pentagonale fiancheggiata da due cappelle a pianta rettangolare. La chiesa di Trevi ripete lo schema della Chiesa di SanLeggi di più
Palazzo Comunale di Trevi
PALAZZO COMUNALE TREVI Il palazzo comunale di Trevi, costruito nel XIII secolo, è posto nel centro cittadino, ed è composto anche da una torre civica. La prima struttura del palazzo, documentata nel 1273, ha subìto vari rifacimenti nel corso dei secoli XVI, XVII e XVIII.Leggi di più
Chiesa di San Giovanni
CHIESA DI SAN GIOVANNI Chiamata in origine S. Giovanni della Piazza (de platea), anticamente era di proprietà del Comune che la unì alla chiesa delle Lagrime, gestita dai Canonici Laternaensi i quali la cedettero nel 1570 alla confraternita della Misericordia. Questa antichissima confraternita gestiva dalLeggi di più
Villa Fabri
VILLA FABRI Fu Girolamo Fabri a ordinarne la costruzione alla fine del Cinquecento, “per sollievo della sua vecchiaia, a gioia dei posteri e del paese, con ampia vista sulla amena valle spoletana, in vicinanza della Città di Trevi, circondata da ogni parte da grandi alberiLeggi di più
Acquedotto medievale di Trevi
Acquedotto medievale di Trevi L’Acquedotto medievale di Trevi detto del Fulcione o dei condotti. Il Mons. Innocenzo Malvasia nel 1587 così descrive l’acquedotto “Conduce un’acqua ( a Trevi) viva lontano tre miglia per un acquedotto assai bello, il quale si mantiene con gran spesa etLeggi di più

Manciano

Chiesa di San Martino
Chiesa di San Martino Nella minuscola frazione di Le Corone, salendo verso il monte, ci si imbatte in un altro esempio di chiesa rurale romanica a quota 585 metri sul livello del mare. Era tradizionalmente aperta in occasione della solennità dedicata al santo titolare, quandoLeggi di più

Organizza la tua vacanza con i Sentieri

L’Umbria è una delle regioni più accoglienti e sicure d’Italia, la Fascia Olivata Assisi-Spoleto un luogo unico, riconosciuto patrimonio mondiale agricolo dalla FAO. Oltre 90 chilometri di sentieri lineari dove fare trekking, andare in bicicletta, gustarsi del buon cibo, ricercare tartufo pregiato, assaporare un indimenticabile olio extra vergine di oliva o semplicemente rilassarsi.

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookies tecnici), per generare report di navigazione (cookies di statistica) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Policy policy

Cookie policy